martedì 17 gennaio 2017

Jordan B. Peterson, la lobby gay vuole censurare il famoso psicologo americano

petersonHa fatto il giro del mondo l’articolo che un professore universitario canadese, Jordan B. Petersonha scritto argomentando i rischi che la deriva arcobaleno delle società sta portando alla libertà di parola.
Peterson, psicologo clinico e docente di Psicologia presso l’Univeristà di Toronto, se l’è presa in particolare con il Bill C-16, un disegno di legge che propone di criminalizzare le discriminazioni in base “all’identità o espressioni di genere”. Lo psicologo (al centro della foto a sinistra) ha pubblicato alcuni video nei quali faceva presente che i contenuti di tale ddl sono «pericolosamente vaghi e mal formulati», così da lasciare appositamente il tutto nelle mani del giudice di turno. Inoltre, si è rifiutato pubblicamente di utilizzare il pronome sessualmente neutro (o “neutral gender”) “Zhe”, ideato per indicare sia uomini che donne, senza rischiare di discriminare chiamando al femminile chi nella sua mente “si sente” un maschietto (e viceversa).
Questi video hanno generato un vero e proprio caos mediatico, con tanto di dimostrazioni e proteste......



CONTINUA SU: http://www.uccronline.it/2017/01/17/lideologia-lgbt-viola-il-diritto-di-parola-laccusa-di-uno-psicologo-canadese/

La Freedom From Religion Foundation espulsa dalla radio, al suo posto i canti di Natale

La notizia è leggera e divertente, ma potrebbe contenere una verità nascosta che riteniamo interessante.
Poco prima di Natale, infatti, nel Madison (capitale del Wisconsin), il decennale programma radiofonico Freethought Radio è stato brutalmente chiuso per un cambio di programmazione. Al suo posto ben ventiquattro ore di musiche di Natale. I conduttori del programma sono due coniugi dichiaratamente atei, Dan Barker (di cui abbiamo già parlato) e la moglie Annie Laurie Gaylor, che intrattenevano gli ascoltatori -non molti, evidentemente- con una sorta di catechismo laico. I due sono....


http://www.uccronline.it/2017/01/17/cancellato-lo-show-ateo-al-suo-posto-24-ore-di-musiche-natalizie/

Un cattolico può essere evoluzionista? La risposta di uno scienziato

Libri di Fiorenzo FacchiniSi può essere evoluzionisti e credenti? Una domanda così superficiale è ancora presente nel dibattito pubblico anche a causa di gruppi atei, da una parte, e del movimento creazionista dall’altra, i quali rispondono all’unisono di “no”.
Eppure un cattolico non dovrebbe avere più dubbi nel rispondere, già nel lontano 1969 il teologo Joseph Ratzinger concludeva una sua famosa trattazione sul tema scrivendo: «La teoria dell’evoluzione non annulla la fede, e nemmeno la conferma. Ma la sfida a comprendere meglio se stessa e ad aiutare in questo modo l’uomo a capire sé e a diventare sempre più quello che deve essere: l’essere che può dire tu a Dio per l’eternità» (J. Ratzinger, Wer ist das eigentlich – Gott?, 1969).
D’altra parte, sono tanti i cattolici (e i credenti, in generale) che hanno fatto dello studio dell’evoluzione biologica il loro oggetto di ricerca professionale, dagli americani Kenneth R. Miller, Martin A. Nowak e.....


CONTINUA SU: http://www.uccronline.it/2017/01/16/evoluzionisti-e-cattolici-si-puo-e-si-deve-parola-al-prof-fiorenzo-facchini/

Monasteri femminili nel Medioevo: libertà e indipendenza

donna nel medioevoCircolano molte leggende contro il Medioevo, gran parte di esse nate in ambienti illuministi come tentativo di denigrare un periodo storico essenzialmente cristiano.
Nell’immaginario collettivo vengono ancora definiti secoli bui, ma da molto tempo nelle accademie e nelle università la si pensa diversamente. Proprio due anni esatti fa ci ha lasciato il celebre storico francese (laico) Jacques Le Goff, tra i principali studiosi del Medioevo degli ultimi decenni. Come ha giustamente scritto lo storico italiano Franco Cardini.....



CONTINUA SU: http://www.uccronline.it/2017/01/16/le-donne-nel-medioevo-autonomia-e-liberta-anche-nei-monasteri/

domenica 15 gennaio 2017

La guerra di Riccardo Cascioli e Marco Tosatti o il rispetto del vaticanista del Tg1?

Bergoglio e Aldo Maria Valli Tg1Bisogna essere sempre d’accordo con il Papa? Nessuno lo ha mai detto. Ma prima dell’amore sessantottino alle proprie idee, un cattolico, in quanto figlio, è chiamato a mettere i suoi passi in quelli del Pontefice, «tentando di immedesimarci nel suo cammino e di confrontarlo con la nostra vita», secondo lo splendido insegnamento di mons. Luigi Negri.
Uno sforzo sincero nel fare questo, con alti e bassi, ci sembra osservabile nel vaticanista del Tg1, Aldo Maria Valli, autore di alcuni articoli (e di un libro) dubbiosi su diversi pronunciamenti di Papa Francesco. Anche se non condividiamo alcune cose che scrive, lo riteniamo....


CONTINUA SU: http://www.uccronline.it/2017/01/15/aldo-maria-valli-un-esempio-finora-che-qualcuno-dovrebbe-imitare/

sabato 14 gennaio 2017

Philip Mulryne, l'ex calciatore dei Red Devils diventa prete

Il centrocampista Philip Mulryne ha condiviso maglia e spogliatoio con le stelle del Machester United: David Beckham, Ryan Gigg, Nicky Butt, Paul Scholes, Andy Cole e Ole Gunnar Solskjaer. Oggi, invece, condivide il saio con san Domenico di Guzmán, fondatore dell’ordine dei Domenicani.
Nordirlandese, ha debuttato in Nazionale l’11 febbraio 1997 (segnando un gol) e nei Red Devils il 14 ottobre 1997. Nel 1999 è passato al Norwich City, contribuendo a portare il club inglese in Premier League nel 2004. Si è infine ritirato nel 2008, tornando a Belfast.
Ma proprio lì, nel Nord Irlanda, l’inaspettato incontro con mons. Noel Treanor, vescovo della diocesi di Down e Connor, che diventa suo confidente e confessore....

CONTINUA SU: http://www.uccronline.it/2017/01/14/lex-calciatore-del-manchester-united-diventa-frate-domenicano/

Richard Dawkins e il gene egoista, il fallimento di un uomo e della sua tesi

Un tempo andava di moda ed era considerato uno degli intellettuali britannici più influenti. Le tesi dello zoologo Richard Dawkins dominavano il confronto pubblico sulla religione, da lui considerata come un pericoloso virus della mente umana che infetta la mente degli sciocchi credenti. Essa andrebbe sconfitta attraverso la divulgazione dell’evoluzione darwiniana, la quale dimostrerebbe l’inesistenza di Dio. Così, dopo la conversione di Antony Flew, ha preso il suo posto nell’immaginario collettivo come “l’ateo più famoso del mondo”.
Poi qualcosa ha iniziato a scricchiolare. Nel 2008 in un’intervista al Corriere della Sera ha dichiarato: «ho fallito, ho perso la battaglia per l’ateismo». Il motivo? «Una maggiore influenza della religione». Nel 2011 si è classificato tra i peggiori misogini dell’anno per aver intimato il silenzio una donna.....




CONTINUA SU: http://www.uccronline.it/2017/01/14/lepilogo-di-richard-dawkins-per-i-suoi-colleghi-ha-danneggiato-la-scienza/

giovedì 12 gennaio 2017

Senza Dio non c'è modo di non piegarsi davanti agli idoli | UCCR

Gli idoli del mondo deludono semprePubblichiamo la bella riflessione che ieri il Papa ha pronunciato durante l’Udienza del mercoledì. Una significativa critica al modernismo e una politicamente scorretta presa di posizione contro gli idoli della società secolarizzata.

di Papa Francesco*
*dall’Udienza generale dell’11/01/17

Sperare è un bisogno primario dell’uomo: sperare nel futuro, credere nella vita, il cosiddetto “pensare positivo”. Ma è importante che tale speranza sia riposta in ciò che veramente può aiutare a vivere e a dare senso alla nostra esistenza. È per questo che la Sacra Scrittura ci mette in guardia contro le false speranze che il mondo ci presenta, smascherando la loro inutilità e mostrandone l’insensatezza. E lo fa in vari modi, ma soprattutto denunciando la falsità degli idoli in cui l’uomo è continuamente tentato di riporre la sua fiducia, facendone l’oggetto della sua speranza.
In particolare i profeti e sapienti insistono su questo, toccando un punto nevralgico del cammino di fede del credente. Perché fede è fidarsi di Dio – chi ha fede, si fida di Dio –, ma viene il momento in cui, scontrandosi con le difficoltà della vita, l’uomo sperimenta...


CONTINUA SU: http://www.uccronline.it/2017/01/12/il-dramma-delluomo-senza-dio-si-affida-alleffimera-speranza-degli-idoli/

«Nessuna donna è felice del suo aborto», il ginecologo entra in crisi la crisi

obiezione di coscienza e abortoOgni tanto compaiono articoli che lasciano letteralmente scioccati. Quello del Corriere della Sera del novembre scorso è uno di questi, si tratta dell’intervista al dott. Massimo Segato, vice primario di Ginecologia all’ospedale di Valdagno (Vi).
L’oggetto delle domande è l’aborto e l’obiezione di coscienza, ma sono le parole del ginecologo abortista a lasciare esterrefatti. Da radicale, socialista e ateo (ma rispettoso), il dott. Segato inizia con il ricordo di un’interruzione di gravidanza non riuscita: «Avevo aspirato qualcosa che non era l’embrione, avevo sbagliato. Una mattina ritrovai quella donna...


CONTINUA SU: http://www.uccronline.it/2017/01/11/il-ginecologo-abortista-ammette-la-crisi-ho-la-nausea-vorrei-diventare-obiettore/

Per Zygmunt Bauman il comunismo sovietico ha un'origine occidentale: «fu un truffa»

Il comunismo e il pensiero di Bauman, morto il 9 gennaio 2017E’ scomparso due giorni fa, all’età di 91 anni Zygmunt Bauman. Celebre sociologo e filosofo, famosa la sua spiegazione di postmodernità attraverso la metafora della modernità liquida, consumistica e, in fondo, disumana.
Polacco di origine ebraica, è stato prima comunista e poi anticomunista, perseguitato dai nazisti ed espulso nel 1968 dal suo paese. La sua critica alla società e l’attenzione agli invisibili di essa, agli “scartati”, ha trovato legami con il pensiero di Papa Francesco, negli ultimi anni non mancava occasione per il sociologo –«un non credente pensante», come lo definì il card. Carlo Maria Martini-..


CONTINUA SU: http://www.uccronline.it/2017/01/11/il-sociologo-bauman-la-truffa-del-comunismo-figlio-del-secolo-dei-lumi/