domenica 26 giugno 2016

Nazaret? Esisteva anche nel I secolo, lo dimostra l'archeologia | UCCR

nazarethPiù passa il tempo, più l’analisi critica dei Vangeli viene approfondita e più ci viene restituita un’immagine del Gesù storico che è tranquillamente sovrapponibile a quella che tutti i cristiani hanno ricevuto nella loro educazione.
Ma, come è giusto accettare le numerose conferme che arrivano dalla comunità scientifica sulla storicità di Gesù, è altrettanto doveroso tenere in considerazione le perplessità o le smentite di alcuni particolari sulla vita del Nazareno. Una questione assai discussa in campo accademico, ad esempio, è la sua città di nascita. Betlemme, come da sempre viene insegnato, oppure Nazareth? Gli studiosi sono divisi, anche se quest’ultima sembra essere sostenuta dall’opinione dominante. John P. Meier, docente di Nuovo Testamento alla Notre Dame University, tra i principali.....

CONTINUA SU:
http://www.uccronline.it/2016/06/26/la-citta-di-nazareth-esisteva-certamente-al-tempo-di-gesu/

venerdì 24 giugno 2016

Gb lascia la Ue: senza radici cristiane, l’Europa non si è mai unita | UCCR

brexitCome un corpo senza anima, anche l’Europa si disgrega. Un’unione basata solo sulla convenienza economicaè destinata prima o poi alla divergenza degli interessi.
L’inascoltato appello di Giovanni Paolo II che al tempo dell’elaborazione del Trattato europeo, in cui veniva costruita la nostra identità, chiedeva un forte riferimento alle radici cristiane, mostra in maniera sempre più evidente cosa comporta unire dei popoli senza una profonda fondazione ideale. A questo va unita lacontinua erosione dell’antropologia umana e cristiana, cioè di un essere umano portatore di un’essenza che lo salvaguarda dalla infinita plasmabilità e manipolabilità.
L’Europa si disgrega, i popoli e le famiglie umane in generale si disgregano, perché l’idea-uomo si disgrega. Senza verità nobile su chi siamotutto viene ricondotto alla modulazione di individui e popoli elaborata e decisa dal forte di turno. Solo la verità religiosa dell’uomo e della vita hanno laforza di resistere al dominio di chiunque, perfino di poteri religiosi. Mi sembra ancora una volta inutile che per rimediare allo scarso appeal dell’Europa si continui ad insistere esclusivamente su economia e flessibilità finanziarie, su minore invasività burocratica e su maggiore sicurezza e occupazione. Questi sono effetti. E a livello ideale risuonano come cimbali stonati i riferimenti a parole ormai vuote..... 

CONTINUA SU:
http://www.uccronline.it/2016/06/24/brexit-uneuropa-senzanima-non-puo-che-disgregarsi/

Uno delle vittime di Orlando: «lascio la vita gay, torno in chiesa» | UCCR

angel colon«Voglio cambiare la mia vita, tornerò a frequentare la chiesa». Così ha dichiarato Ángel Colón, omosessuale e uno dei superstiti della strage di Orlando (Florida), avvenuta qualche settimana fa nella discoteca Pulse.
«Ángel ha cantato nel coro della chiesa per molto tempo, prima di abbandonarla»ha detto il padre. «E’ convinto che Dio lo abbia salvato per dargli un’altra possibilità di vita».
Nel frattempo è emerso che l’attentatore, Omar Mateen, era lui stesso omosessuale, frequentava la discoteca da tre anni e un suo presunto amante, che lo avrebbe frequentato per due mesi, ha dichiarato che il motivo della strage è per vendicarsi del modo in cui «si sentiva usato» dagli omosessuali di quel locale. Se lo scopo di Mateen fosse stato quello di uccidere più persone possibile, ha proseguito l’uomo, sarebbe andato al Parliament, un altro locale gay...

CONTINUA SU:
http://www.uccronline.it/2016/06/24/strage-di-orlando-uno-dei-superstiti-cambio-vita-torno-a-frequentare-la-chiesa/

giovedì 23 giugno 2016

Uomo e animale, insanabile differenza. Parla il filosofo Sergio Givone | UCCR

scimmia uomo 
di Sergio Givone*
*ordinario di Filosofia ed estetica presso l’Università degli Studi di Firenze
da “Luce d’addio. Dialoghi dell’amore ferito” (Olschki 2016)

Baghdad, Mosul e Damasco hanno poco a che fare con Orlando, Parigi e New York. Ma è sempre la stessaviolenza? Si, è sempre la stessa. Cambiano i modi e le forme del suo manifestarsi, ma in fondo… Questo fondo è ciò che da sempre si è deciso chiamare l’animo umano, è lì che va stanata se vogliamo capirci qualcosa. Lì abitano le ossessioni e i fantasmi che la generano. A cominciaredall’idea demoniaca che solo la violenza possa eliminare la violenza e portare la pace.
Lo schema è il seguente. Poiché l’altro e il diverso minacciano la nostra identità, invece di mettere in questione questa pretesa identità preferiamo opporci all’altro, al diverso, allo straniero. Fino al loro annientamento. Sperando così di ricompattare l’identità sociale a rischio di disgregazione. Ma a essere innescata è una spirale che sancisce il trionfo della violenza, non la sua limitazione. Lo si vede...

CONTINUA SU:
http://www.uccronline.it/2016/06/23/anche-la-violenza-mostra-lontologica-differenza-tra-luomo-e-lanimale/

Dietro ad un "antibergoglio" si nasconde un "antiratzinger": il caso esemplare di Sandro Magister | UCCR

magister benedettoxvi«La rivoluzione di papa Francesco sta mettendo sottosopra la Chiesa. Ma anche il suo mite predecessore di nome Benedetto non è da meno». Comincia così ciò che era inevitabile: gli antibergoliani non possono che scoprirsi anche antiratzingeriani. Ad uscire finalmente allo scoperto, in questo caso, è stato Sandro Magister, vaticanista del noto settimanale anticlericale l’Espresso.
Nel giugno 2015, Magister è stato sospeso dalla Sala stampa del Vaticano per aver poco onestamenteviolato l’embargo sull’enciclica Laudato si’, diffondendo prima del permesso la bozza del documento: «una iniziativa scorretta, fonte di forte disagio per moltissimi colleghi giornalisti e di grave turbamento del buon servizio di questa sala stampa», ha scritto padre Federico Lombardi. Magister non rilasciò dichiarazioni ma, da allora, ha amplificato la sua battaglia mediatica anti-Bergoglio, alla quale dedica tutto se stesso con quotidiano impegno.
Favorevole al sacerdozio femminile e ridicolizzatore di San Giovanni Paolo II («Il guaio, per lui, è che c’è chi lo prende in parola»diceva del Papa polacco), come abbiamo segnalato, oggi il giornalista Magister è curiosamente....

CONTINUA SU:
http://www.uccronline.it/2016/06/23/sandro-magister-combatte-anche-benedetto-xvi-ha-messo-sottosopra-la-chiesa/

mercoledì 22 giugno 2016

Per gli studi Lgbt, l'Italia è meno omofoba rispetto a Francia, Spagna, USA e Inghilterra | UCCR

MappamondoAd ascoltare i paladini del progressismo, l’Italia sarebbe stata – fino all’approvazione delle unioni civili di qualche tempo fa – un vero e proprio covo d’intolleranti che solo la determinazione politica del Governo Renzi, manifestata sul piano parlamentare con richieste di fiducia a raffica, avrebbe finalmente incamminato verso il luminoso sentiero dei “diritti”.
Questa, dicevamo, la narrazione, ma non i fatti. Sì, perché non esistono dati attendibili che testimonino l’oscurantismo che, fino a ieri appunto, avrebbe regnato sovrano nel nostro Paese. Anzi, per la verità ne esistono che provengono da fonti insospettabili e che dicono l’opposto collocando...

http://www.uccronline.it/2016/06/22/in-italia-minor-omofobia-rispetto-a-francia-spagna-usa-e-inghilterra/

«L’ateismo è fideismo dogmatico», parla il filosofo André Comte-Sponville | UCCR

andre comtesponville«Io non so se Dio esiste o no; io credo che non esista. L’ateismo non dogmatico è un ateismo che ammette il proprio status di credenza, nel caso specifico di credenza negativa. Essere atei non dogmatici significa credere (anziché sapere) che Dio non esiste». Illuminante la riflessione di André Comte-Sponville, noto filosofo razionalista francese, molto simile a quella che abbiamo già presentato tempo fa del filosofo Iain T. Benson.
Sostenere apoditticamente che Dio non esiste è un’affermazione dogmatica pronunciata paradossalmente proprio dagli oppositori dei dogmi cattolici, è una dichiarazione priva di dimostrazione scientifica paradossalmente pronunciata proprio da coloro che idolatrano la scienza come unica forma certa di conoscenza. Ed invece...

CONTINUA SU:
http://www.uccronline.it/2016/06/21/lateismo-e-dogmatico-soltanto-se-ammette-di-essere-una-fede-personale/

Medjugorje, impossibile ignorare i grandi frutti spirituali... | UCCR

medjugorje croceAlcuni giorni fa abbiamo pubblicato un articolo dedicato a Medjugorje, concentrandoci in particolare su una presunta pulsazione del sole che ha catturato l’attenzione di tanti pellegrini, ma anche di una nota psicoterapeuta, Fausta Marsicano, e di una giornalista del programma di Rai3 La Storia siamo noi.
Qualcuno ha scambiato l’articolo per un’approvazione pubblica da parte nostra di quanto accade da oltre trent’anni nel piccolo paesino della Bosnia ed Erzegovina. Nient’affatto, sarebbe imprudente ogni giudizio preventivo a quello che dovrà dare la Chiesa cattolica, abbiamo soltanto inteso replicare ai razionalisti scettici che pensano di poter liquidare questi fatti con una sbrigativa.

CONTINUA SU:
http://www.uccronline.it/2016/06/20/a-medjugorje-persone-normali-lontane-dal-miracolismo-compresi-docenti-universitari/

Paolo di Tarso ha fondato il cristianesimo? La bufala dell'incompetente Eugenio Scalfari | UCCR

 Immaginavamo che Eugenio Scalfari avrebbe taciuto la grave richiesta di condanna a sei anni di carcere del suo amico Carlo De Benedetti, patron di RepubblicaL’Espresso, ritenuto dai pm responsabile delle morti per amianto alla Olivetti.
Non credevamo, però, che il fondatore di Repubblica riproponesse il suo vecchio pallino su San Paolocome vero fondatore del cristianesimone ha parlato in un suo recente editoriale: caduto da cavallo, Saulo «svenne e durante lo svenimento, mentre lentamente si riaveva, vide un’immagine affascinante da tutti i punti di vista che la sua mente ancora non totalmente riavutasi interpretò come l’immagine di Gesù. Di fatto fu il tredicesimo apostolo e sostanzialmente fu il vero fondatore...

CONTINUA SU:
http://www.uccronline.it/2016/06/19/san-paolo-non-fondo-il-cristianesimo-una-tesi-falsa-e-fin-troppo-riciclata/

Cannabis libera? La mafia non viene sconfitta, aumenta solo il pericoloso consumo | UCCR

CannabisIl 27 giugno prossimo la discussione sulla cannabis legale sarà avviata nell’Aula di Montecitorio, promossa dal senatore e sottosegretario agli Esteri, Benedetto Della Vedova, ex presidente dei Radicali italiani. In discussione il ddl che porta il nome del candidato sindaco per Roma, Roberto Giachetti.
L’iniziativa parlamentare è sorta dopo il rapporto annuale della Direzione Nazionale Antimafia, in cui si è parlato di «totale fallimento dell’azione repressiva» e della «letterale impossibilità di aumentare gli sforzi per reprimere meglio e di più la diffusione dei cannabinoidi», chiedendo di valutare la possibilità della depenalizzazione come male minore. Una posizione certamente autorevole e da tenere in considerazione, per quanto ci riguarda non ci interessa sostenere.

CONTINUA SU:
http://www.uccronline.it/2016/06/18/cannabis-libera-la-mafia-non-viene-sconfitta-aumenta-solo-il-pericoloso-consumo/